giovedì 17 novembre 2011

"Wear and Toss", 100% biodegradable clothing

The emergence of 'environment' is increasingly being felt in Italy, and even the fashion industry wants to keep pace. At least this is the intention of a young industrial designer from Treviso, Filippo De Martin, who has designed clothing that can easily be thrown into the compost home, when no longer useful. The brilliant and innovative idea is called "Wear and Toss".
It is a real revolution in the consumption of clothing, both in terms of cost and environmental protection. These garments are in fact produced entirely from plant fibers and polymers derived from corn oil and sugar beet. The cost? The consumer will pay a t-shirt, 100% biodegradable, no more than 2 euros. "A line of disposable clothing, easy to produce - De Martin said - and created with easy to find materials".
Now the young Venetian is looking for a lender that allows the large-scale production, and he is also looking abroad. I wonder if some Italian designer will appreciate the idea, and will be sized?!




L'emergenza 'ambiente' è sempre più sentita anche in Italia, e anche il mondo della moda vuole tenere il passo. Almeno questa è l'intenzione di un giovane industrial designer trevigiano, Filippo De Martin, che ha ideato indumenti che possono tranquillamente essere gettati nel compost casalingo, quando non sono più utili. L'idea geniale e innovativa si chiama "Wear and Toss".
Si tratta di una vera e propria rivoluzione nei consumi dell'abbigliamento, sia in termini economici che di salvaguardia dell'ambiente. Questi indumenti sono infatti prodotti interamente con fibre vegetali e polimeri ricavati da oli di mais e barbabietola. Il costo? Il consumatore pagherà una maglietta, 100% biodegradabile, non più di 2 euro. "Una linea di abbigliamento usa e getta, semplice da produrre - ha spiegato De Martin - e creata con materie di facile reperimento".
Ora il giovane veneto è alla ricerca di un finanziatore che permetta la produzione in larga scala, e si sta rivolgendo anche all'estero. Chissà se qualche stilista italiano apprezzerà l'idea, e la coglierà al volo?!







3 comments:

a tal proposito vi segnalo questo sito. Scarpe (davvero belle) ottenute con materiale riciclato grazie all'idea di stilisti italiani anonimi

http://www.dudeshoes.org/

Grazie per la segnalazione Mr Maraja..davvero interessante :)

Posta un commento