mercoledì 2 maggio 2012

American dream and Beat generation

It was the '50s when Europe felt intensely the fascination of the American world. Through film, music and TV disembarked from overseas modes of dress, singing, talking, dancing. The American myth came (almost) indelibly in our lives. Then in the 60s comes the Beat generation: young people who go to California in search of a philosophy of life based on freedom. But even Europe at that time feels the need to break the rule, to impose the dictates of society. It is also done through clothing. In England it will be the Beatles and the Rolling Stones to spread the phenomenon of abandoning forever the grey civilian suit. And here come the bright colors, colored hair, skimpy clothes and jackets, tight pants, round glasses (those of famous icon John Lennon) imitated by teenagers throughout Europe. In this period also the female stereotype changes: stop to figured women of Hollywood cinema, the icons will be the models in fashion magazines, with their skinny bodies (too skinny), the very fair skin and big and painted eyes. Twiggy is among the ones that we remember, real muse of superstretch pants, like those SOS jeans I'm wearing in this post: vintage denim, soft enough to fit the body and look like a second skin. And just to pay homage to the era that has left an indelible mark in the history of Europe and not least of fashion, I created this outfit reminiscent of the American dream, by the flag, and then tight jeans and round glasses that come directly from the years of great youth protests, accompanied to the colorful and happy 80s with ironic high tails, espadrilles and fluorescent colors like the nail polish I wear.



Erano gli anni '50 quando l'Europa avvertiva intensamente il fascino del mondo americano. Attraverso il cinema, la musica e la tv sbarcavano da oltreoceano i modi di vestire, di cantare, di parlare, di ballare. Il mito americano entrava (quasi) indelebilmente nella nostra vita. Poi negli anni '60 arriva la Beat generation: giovani che in California vanno alla ricerca di una filosofia di vita basata sulla libertà. Ma anche in Europa in quegli anni si sente il bisogno di infrangere le regole, di imporsi ai dettami della società. E si fa anche attraverso l'abbigliamento. In Inghilterra saranno i Beatles e i Rolling Stones a diffondere il fenomeno abbandonando per sempre il grigio abito borghese. Ed ecco arrivare i colori sgargianti, i capelli colorati, gli abiti e le giacche striminziti, i pantaloni stretti, gli occhiali rotondi (famosi quelli dell'icona John Lennon) imitati dai teeneger di tutta Europa. Cambia in questa epoca anche lo stereotipo femminile: basta donne formose del cinema Hollywoodiano, le icone saranno le indossatrici delle riviste di moda, con i loro corpi magrissimi (fin troppo), la pelle molto chiara e gli occhi grandi e truccatissimi. Twiggy è tra quelle che più ricordiamo, vera musa dei pantaloni superstretch, come quelli di SOS che indosso in questo post: in jeans vintage, morbidi tanto da adattarsi al corpo e sembrare una seconda pelle. E proprio per omaggiare l'epoca che ha lasciato un segno indelebile nella storia d'Europa e non meno della moda, ho creato questo outfit che ricorda, dalla bandiera, il sogno americano, e poi jeans stretto e occhiali tondi che arrivano direttamente dagli anni delle grandi contestazioni giovanili, accompagnati fino ai coloratissimi e felici anni '80 con ironiche code altissime, espadrillas e colori fluo come lo smalto che indosso.


















I was wearing: SOS superstretch vintage jeans 3002-P1107D, Catch 22 t-shirt, Espadrilles shoes, Top Shop sunglasses, Mimì pearl bracelet, Forever 21 ring. 

8 comments:

Very interesting and informative post. I love your outfit and you look amazing girl!!!

carinissima! ma.... le espadrillas son comode?

Ciao Peggy, si sono davvero comode. In questo post le ho preferite blu, ma ci sono in tantissimi colori e fantasie! Li consiglio anche per la città e non solo in posti di mare ;)))

Amore della zia Irish ma quanto sei bella*)*

Cultura della moda, stile e doti comunicative. bel mix Manuela. Mary (PA)

Posta un commento