mercoledì 30 gennaio 2013

New trends in times of crisis, the barter

For someone it is a curious novelty to try, for others a sort of 'lifestyle' never abandoned, for others it is a requirement established by the economic crisis of recent years. It is the barter. If in ancient times it was the only method of exchange for goods and services, now it is now a real alternative to money. In fact, its value becomes zero, and that is important are the needs. So you get rid of what is not in exchange for a good or service that you need instead. All this is combined with the growing sensitivity to the sustainable consumption.
For some time bartering is back in fashion, thanks to the passion for vintage back in vogue among the lovers of fashion.
Sunday, January 27th, I was invited to barter organized in Campobasso in the Cafeteria Morelia, in via Monsignor Bologna, where the event is held every two weeks. The initiative, now widespread in many Italian cities, involves more and more: women, teens, children and even many men. An alternative way to the money for exchange books, clothes, CDs, food, accessories and also services of various kinds. It is also a way to have fun and socialize. I was invited several times to this kind of initiatives, in other cities, so last Sunday I finally witnessed too the 'barter'. Interesting, effective and fun. Try it you too!



Per qualcuno è una curiosa novità da provare, per altri una sorta di 'stile di vita' mai abbandonato, per altri è un'esigenza nata dalla crisi economica degli ultimi anni. E' il baratto. Se nei tempi antichi era l'unico metodo di scambio per ottenere beni e servizi, ora è una vera e propria alternativa al denaro. Il suo valore infatti si annulla, e ad essere importante sono i bisogni. Così ci si libera di ciò che non serve in cambio di un bene o un servizio di cui invece si necessita. A questo si unisce la sensibilità, sempre più diffusa, verso il consumo ecosostenibile.
Da qualche tempo il baratto è tornato di gran moda, anche grazie alla passione per il vintage tornata in gran voga tra le amanti del fashion.
Domenica scorsa, 27 gennaio, sono stata invitata al baratto organizzato a Campobasso nella Caffetteria Morelia, in via Monsignor Bologna, dove l'evento si tiene ogni due settimane circa. L'iniziativa, ormai diffusa in molte città d'Italia, coinvolge sempre di più: donne, ragazzi, bambini e anche tanti uomini. Un modo alternativo al denaro per scambiare libri, vestiti, dischi, cibo, accessori e anche servizi di diverso genere. E anche un modo per divertirsi e socializzare. Ero stata invitata diverse volte ad iniziative di questo tipo, anche in altre città, così domenica scorsa ho finalmente assistito anche io al 'baratto'. Interessante, efficace e divertente. Provatelo anche voi!!!


2 comments:

L'unico antidoto alla crisi è il baratto! Segnalo a tal proposito il sito www.mangrow.net dove utenti di tutto il mondo possono scambiare servizi.

Grazie mille per la segnalazione:) vado subito a vedere!

Posta un commento